| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

CASO 6

Page history last edited by Sara Demurtas 3 years, 5 months ago

CASO 6

Vincenzo seviziato perché grasso: <<Ora ti gonfiamo come una palla>>

 

Napoli, 7 ottobre 2014. 

Un ragazzo di 14 anni è stato seviziato da tre giovani in un autolavaggio di Pianura, a Napoli. I ragazzi, 24enni, lo hanno dapprima preso in giro per il suo peso, poi uno di loro lo ha bloccato e abbassato i pantaloni. Prima di inserirgli un tubo di aria compressa nell'intestino, che gli avrebbe provocato diverse lacerazioni, l'aggressore avrebbe detto: <<Ora ti gonfiamo come una palla>>.

Vincenzo racconta, durante l'udienza, l'accaduto: <<All’inizio De Vivo aveva preso quel compressore e ci stava giocando e mi prendevano in giro. Io mi buttai sul divano per non esser disturbato. Allora quello, Iacolare, mi prese da dietro, mi immobilizzò braccia e gambe... Io non potevo più muovermi. Mi abbassò i pantaloni, non le mutandine perché io cercavo in ogni modo di difendermi ma ormai ero immobilizzato. Allora Iacolare prese il compressore, con forza spingeva dentro. Ed è entrato. Non ho capito più niente. Ho avuto diarrea, poi ho cominciato a vomitare. Forse sono svenuto, comunque De Vivo mi ha soccorso, mi ha alzato i pantaloni...>>

L'autore della violenza, Iacolare, è stato fermato per tentato omicidio; mentre gli altri due complici sono stati denunciati a piede libero per concorso in tentato omicidio.

Uno dei due giovani denunciati per le sevizie avrebbe filmato con il cellulare la parte iniziale della scena, nella quale si vedono i complici spruzzare aria compressa sul viso del ragazzino. Il cellulare è stato sequestrato dai carabinieri di Bagnoli e sarà sottoposto a perizia. 

I parenti degli aggressori hanno sminuito l'accaduto sostenendo che si trattasse di un gioco e che i ragazzi non si sarebbero resi conto dei danni che avrebbero potuto provocare. La madre della vittima replica dicendo: <<Sono vigliacchi e senza cuore. Un gioco? Non penso che si giochi cosi. Se volevano farlo potevano usare un secchio d'acqua. Invece, per poco non l'hanno ucciso>>.

La vicenda si è poi conclusa con la condanna di Iacolare a 12 anni di carcere per lesioni gravi e violenza sessuale.

 

Punti di vista:

  • Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, dichiara:

 

 

  • Antonio Sorbilli, avvocato di Iacolare, in difesa del suo assistito, dice: <<Per me Vincenzo Iacolare è un ragazzo normalissimo, lo conosco da prima di questa vicenda: ha fatto probabilmente una follia, che ancora oggi non mi spiego, ma i media lo hanno massacrato. Sulla stampa ho letto titoli scabrosi, lo hanno additato come mostro, hanno parlato di branco dell'autolavaggio. [...] Sono state dette cose non vere: che il ragazzo fosse obeso (la vittima), che si trattasse di bullismo, si è parlato di sevizie>>.

 

  • Vincenzo Spadafora, Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza, dichiara: <<Dove siamo arrivati? Quanto è accaduto a un minorenne, 'colpevole' di essere grasso, è indegno per una società civile. Il degrado socio-culturale degli ultimi anni insieme alla crisi di valori e all'assenza dello Stato stanno producendo una deriva inaccettabile>>.

 

  • Raffaele Felaco, presidente dell'associazione Psicologi per la responsabilità sociale e coordinatore dell'area comunicazione del Consiglio nazionale dell'Ordine degli Psicologi, sulla vicenda dichiara: <<Questi episodi inspiegabili diventano chiari solo se comprendiamo che la violenza è ormai strutturale nella nostra società e per questo si può attivare in qualsiasi momento, in qualsiasi posto, senza la necessità di motivazioni significative. Solo un ritorno a un clima sociale di rifiuto della violenza, vigilanza e protezione dei più deboli da parte di ciascuno di noi, la cancellazione di qualunque comportamento violento da parte di chi ha un'immagine sociale, politici, calciatori, opinion leader, renderà possibile la prevenzione della violenza>>. 

 

 

 

Approfondimenti:

 

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/campania/napoli-violentato-con-aria-compressa-gravissimo-un-14enne-un-fermo_2072727201402a.shtml

 

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2015/03/11/news/vincenzo-109236591/

 

https://www.chicercatrova2000.it/news/leggi.phtml?id=1608

 

Altri casi simili:

Ex obesa: <<Una vita nel mirino dei bulli, colpa di una cattiva educazione>>

 

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.