| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

CASO 1

Page history last edited by Claudia Satta 3 years, 4 months ago

CASO 1

Casa negata a coppia omosessuale

 

Nel marzo 2017,  a Torino, Simone Schinocca (39 anni) e il suo compagno Michele cercano una nuova casa dopo 8 anni di convivenza.

Si rivolgono a un'agenzia immobiliare e individuano l'appartamento idoneo alle loro richieste. A questo punto presentano le loro referenze e le buste paghe come richiesto ma, dopo qualche giorno d'attesa, scoprono che la loro proposta era stata rifiutata, in quanto la proprietaria cercava una famiglia, qualcuno che stia a lungo.

Il ragazzo, vedendosi negato per la seconda volta l'affitto, decide di denunciare l'accaduto sul web: <<La discriminazione non è un concetto astratto. è qui... è ora... è ovunque dietro l'angolo>>. Il post ha ricevuto decine di condivisioni e messaggi di solidarietà.

Rifiutati perché gay? Possibile?

La proprietaria, Gigliola Galli, si difende affermando che il problema non è la coppia in sé ma, secondo il suo punto di vista , Simone e Michele, non rappresentano una famiglia tradizionale che potrebbe garantire, invece, una maggiore stabilità. Lei non parla, dunque, di discriminazione e omofobia, quanto del suo diritto, in veste di proprietaria di casa, di scegliere gli inquilini. Infatti, per lei, se la coppia dovesse rompersi e decidesse di andarsene quello più forte economicamente si ritrova nei guai, con inquilini che non pagano.

Il titolare dell'agenzia immobiliare, il geometra Cesare Mosso, sostiene, appoggiando la proprietaria, che non vi erano vincoli se non quello della famiglia affermando: <<I gay rifiutati per discriminazione?Ma va là, queste sono tutte balle>>.

 

 

Punti di vista: 

 

  • Chiara Appendino, sindaca di Torino, in merito alla questione afferma, attraverso un tweet: <<Come ogni volta in cui una persona viene discriminata per qualsiasi motivo, oggi una parte della nostra comunità è stata sconfitta>>.

 

  • Alessandro Battaglia, del Torino Pride, afferma tramite Twitter: <<Torino non è una città chiusa>>.

 

  • Claudio Cerrato, Presidente della Circoscrizione 4 di Torino, afferma su Facebook, in risposta al post di Simone Schinocca: <<Speravo che il mio quartiere finisse sulle cronache nazionali per le sue innumerevoli qualità positive, non per una così amara vicenda che colpisce due carissimi amici e il senso comune di tutti. Purtroppo bisogna ammettere che non è un caso isolato. Spero ancora che si riscatti a brevissimo, e che un nuovo articolo sulle cronache nazionali racconti delle offerte di affitto che riceveranno e le foto della casa che sceglieranno>>. 

 

  •  Grabriele Piazzone, segretario nazionale di Arcigay, in occasione della Giornata internazionale contro omofobia, transfobia e bifobia, afferma: <<Le persone omosessuali e transessuali sono bersagli privilegiati di rapine, pestaggi, stupri. Inoltre, gay e lesbiche quando non visibili (cioè quando indotte dall’omofobia ambientale a nascondere il proprio orientamento sessuale) diventano bersagli di ricatti ed estorsioni. E, come le persone trans, sono di frequente fatte oggetto di derisione, di insulti, di limitazioni alle libertà personali, di discriminazioni, di bullismo a scuola,  di mobbing sul lavoro. [...] L’omofobia, insomma, non ha età, ruolo sociale, provenienza geografica, estrazione economica o culturale. È ovunque e colpisce le persone lgbti indistintamente, da sole, in coppia o in gruppo, nei luoghi affollati e in quelli isolati, di notte o in pieno sole. [...] Servono leggi ma, anche azioni culturali e di welfare, per sgretolare il pregiudizio e sostenere le persone fatte bersaglio dei crimini e delle parole d’odio>>.

 

 

 

Approfondimenti:

http://www.lastampa.it/2017/03/24/italia/cronache/torino-niente-casa-alla-coppia-gay-voglio-solo-famiglie-con-bambini-aPP3whTDl22C8fELANY0YK/pagina.html

 

http://www.lastampa.it/2017/03/24/multimedia/cronaca/ci-hanno-negato-la-nostra-casa-ideale-QmnM8Lgbez26CCUGRlyuLM/pagina.html

 

http://www.lastampa.it/2017/03/24/multimedia/cronaca/le-ragioni-della-padrona-di-casa-4o0JJNGDXW6sXoct2KLJUK/pagina.html

 

Altri casi di discriminazione sull'omosessualità:

<<Mio figlio si veste di rosa. Vi sembra strano?>> 

 

<< Sì, abbiamo cacciato la coppia gay.>>

 

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.